lunedì 20 febbraio 2017

Schegge Budo e Zen - 20 febbraio 2017




"Yoshida Yenko scrisse: 'Voi vedete i fiori soltanto quando sono all'apice della loro fioritura, e la luna soltanto quando è piena.' Lo trovo molto interessante. Significa che dovremmo ammirare anche i germogli, i petali che cadono portati via dal vento e anche i rami spogli d'inverno. Possiamo imparare ad apprezzare la luna quando è velata dalle nuvole. quando è luna nuova o calante. Ovvero, possiamo imparare ad accettare l'impermanenza della vita senza escludere nulla- le gioie, i dolori, i successi e i fallimenti- e ad amare qualsiasi cosa la vita ci offra."

Shundo Aoyama Roshi




"La sensibilità verso il dolore altrui è la radice della benevolenza [...]. La benevolenza (jin) vince con la propria potenza ogni cosa che le si opponga. Come l'acqua prevale sul fuoco. Solo coloro che tentano di spegnere una catasta di legna in fiamme con una piccola tazza d'acqua dubitano di poter aver ragione del fuoco con l'acqua."

Mencio



"L'Arte della Pace si basa sul principio della non resistenza. Dal momento che non resiste, è vincente fin dall'inizio. Quelli con intenzioni malevole o pensieri controversi sono sconfitti.
L'Arte della Pace è invincibile perchè non combatte contro nulla."

Morihei Ueshiba Sensei


Morihei Ueshiba Sensei


"A volte la strada della pratica, quella vera, può essere una strada arida e fredda, dove anche le migliori compagnie sono di troppo. Poi, incidentalmente, si incontrano dei buoni compagni, dei buoni amici, ma solo chi sa apprezzare la solitudine trova veramente compagnia."

P. Taigō Spongia Sensei



"Spesso si trova giustificazione nelle inadempienze degli altri, invece di trarne un importante insegnamento: dare sempre il massimo e offrire sè stessi... prima ancora di pretendere..."

Alessandro della Ventura







_______________________________________
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011
________________________________________

© Iogkf Italia


venerdì 17 febbraio 2017

La condivisione di un sogno. (Kangeiko 2017)

Si è concluso oggi presso il Tora Kan Dōjō il Kangeiko 2017. Una settimana di pratica condivisa nei giorni che dovrebbero essere i più freddi dell'anno, di mattina presto con le finestre aperte (o all'aperto) per accogliere il freddo dell'inverno. Riceviamo il ringraziamento di Emilio, uno dei partecipanti.

Non è che la follia sia meno folle se viene condivisa. Potrebbe sembrare che un azione perda del suo valore eccentrico se a compierla non è un pazzo isolato ma piuttosto una schiera di pazzi.
E potrebbe anche risultare più confortevole sapere di non essere soli nel cammino. E realizzare che quanto abbiamo creato con la nostra sana follia si concretizza anche per altri e che il sogno acquisisce peso e sostanza perché respirato e incarnato anche da altri compagni di viaggio.
Ma il gesto folle rimane comunque azione straordinaria, senza appigli, senza sicurezze, aperta ad ogni esito.
Ora non è che il Kangeiko di per se sia questa grande azione folle, alla fine si tratta di cinque giorni di pratica con orari sballati che ci costringe a fare pace e ad accettare quello che la temperatura esterna ci offre, che ci scuote dalle abitudini confortanti della vita quotidiana, che ci crea qualche fastidio nella simpatica routine che ci siamo apparecchiati, ciascuno a proprio modo. Ma è comunque l'espressione di un sogno. Risvegliati prima dell'alba, immersi nel sogno.
Sogno appassionato, immaginare una vita dedicata alla pratica e alla creazione di un Dojo, luogo di ritrovo e illuminazione per generazioni di viandanti, che sedimenta una serie di buone abitudini che lasciano il segno nella vita di molte persone. Lascia un eredità tangibile, lascia le solide mura di un Dojo, che è la casa, o la via, di quelli che quel sogno vivificano, ognuno a proprio modo. Persone molto diverse l'una dall’altra, che probabilmente non si sarebbero neanche mai incontrate altrove. Sogno che si fa sudore, sveglie all’alba, vesti imbrattate di sabbia o sporcate del verde dei prati. Il Dojo che vive fuori dal Dojo, che ce lo portiamo a spasso in vacanza, a casa nei giorni felici, e soprattutto in quelli difficili. Bussola e timone di un cammino impegnativo e gratificante.
Il Sogno di un pazzo, che si fa vivere da altri pazzi “tutti insieme, insieme a Tutto in cammino sulla Grande Via”. Per questo oggi, ultimo giorno di Kangeiko, mi sento di dover ringraziare dal profondo del cuore la sana follia di un ragazzo che qualche annetto fa decise di intraprendere il primo passo, al quale ha aggiunto mille altri passi (e mille altri pugni) con incredibile e magnifica costanza.  Grazie giovane Sensei!


_______________________________________


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica
in quanto
viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011
_______________________________________
                       



                                                                               © Iogkf Italia 

lunedì 13 febbraio 2017

Schegge Budo e Zen - 13 febbraio 2017



"[...] shin, lo spirito, va considerato l'elemento decisivo. Poi vengono la tecnica e il corpo. Negli sport, soprattutto in Occidente, viene sviluppata principalmente la forza del corpo...
L'allenamento non deve tendere unicamente allo sviluppo del corpo. Evidentemente nelle moderne competizioni non si lotta per la vita o per la morte, ma per un punteggio: dunque, la forza del corpo e la tecnica possono bastare. Ma nei tempi antichi la posta in gioco era la vita: allora l'intuizione era decisiva, in ultima istanza.
Si dovrebbe ritrovare questo spirito: comportarsi sempre come se la vita stessa fosse in gioco, anche quando si combatte con una spada di legno. Le arti marziali, allora, ritroverebbero il loro vero senso: la pratica della Via."

Taisen Deshimaru Roshi, Lo Zen e le arti marziali



"Il fiore chiama la farfalla spontaneamente,
la farfalla si posa sul fiore spontaneamente.
Quando il fiore si apre viene la farfalla;
quando viene la farfalla il fiore si apre.
Io non so niente degli altri;
gli altri non sanno niente di me.
Senza conoscerla, seguiamo tutti la Via."

Daigu Ryōkan




"Senza dubbio, le cose andrebbero fatte in un certo modo; eppure tutti i modi vanno bene. Non c'è una regola fissa da seguire, dovremmo agire nel migliore modo possibile per ciascuna situazione."

Kōdō Sawaki Roshi



"Uno degli obiettivi primari del nostro esercizio è quello di rivitalizzare i nostri istinti primordiali.
Oggi, per lo più, gli uomini e le donne sono anestetizzati.
Incapaci di percepire con il corpo le perturbazioni dell'ambiente.
Abitano un corpo che non sente, che non risponde...
Riscoprire il pensiero del corpo, rivitalizzare la nostra natura animale.
Ascoltare la profonda saggezza dell'istinto.
Ritornare ad ascoltare la voce delle cose che ci indica chiaramente la direzione da seguire."

P. Taigō Spongia Sensei



"Solo attraverso le regole possiamo educarci e per questo è fondamentale accogliere gli insegnamenti di tutti e in particolar modo quelli di un Maestro, di un Taiko/Senpai... Lo Zen è autentica libertà, in primo luogo dai propri condizionamenti, dal proprio ego, ma spesso viene interpretata come anarchia... Praticare Zazen è la pratica di un Buddha, dell'Uomo in armonia con l'Universo intero, non certo di un individuo separato e isolato dal resto; per questo la pratica non può prescindere da una 'forma' in sintonia con il Dhamma, con l'Ordine cosmico..."

Alessandro della Ventura 






_______________________________________
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011
________________________________________

© Iogkf Italia


domenica 12 febbraio 2017

Kangeiko 2017

Domani, Lunedì 13 Febbraio, inizieremo il Kangeiko 2017.
Per una settimana tutte le mattine dalle 6 alle 7 alla temperatura che la natura ci offrirà.
Non si tratta solo di 'temprarsi' nel freddo.
Si tratta di accogliere e farsi accogliere dagli elementi della natura.
Si tratta di offrirsi.
Il nostro esercizio silenzioso, proprio come lo Zazen, o il canto di un Sutra, sarà offerto a beneficio di tutte le esistenze.
Sono quasi vent'anni che ogni anno guido il Kangeiko al Tora Kan Dojo, mai mancata una sola sessione di pratica, sono felice di avere, ancora una volta quest'anno, la possibilità di ascoltare la sinfonia del fruscio dei karategi, del respiro dei partecipanti e del calore dei loro cuori uniti nella pratica.

Paolo Taigō Spongia


sabato 11 febbraio 2017

Che si vinca o si perda non è altro che un sogno


Riceviamo dal Maestro di Spada Giapponese (Iai-do) Enrico Salvi, e con piacere condividiamo, delle interessanti riflessioni intorno alla vittoria e alla sconfitta, riflessioni che si allargano fino ad abbracciare il rapporto fra coscienza ed evento, fra il giudizio e l'essere.

«Il cielo e la terra hanno la stessa radice. Tutti gli esseri viventi formano un solo corpo. Che si vinca o si perda, che si sia ricchi o poveri, non è altro che una goccia di rugiada, un fenomeno fuggente, un sogno. Dobbiamo comprendere veramente il nostro collegamento con l’universo».

Taisen Deshimaru, La pratica della concentrazione


Premessa importante: in quanto segue, i termini “sostanza” e “accidente” vengono citati secondo la filosofia aristotelica. Sostanza: sostrato ultimo e semplice, cioè autonomo e non scomponibile di una cosa. Accidente: attributo che non appartiene alla sostanza della cosa. Sostanza e accidente: non separati ma distinti.

È ragionevole e stimolante ritenere che la pratica dell’Arte della Spada, come di tutte le Arti del Budo, di concerto con la Meditazione Seduta, possa e debba tendere a realizzare la mèta (mokuteki) indicata dal Maestro Deshimaru nella citazione in esergo. Diversamente, si finirebbe per porsi altri obiettivi (mokuhyo), cioè altri «sogni», e l’Arte si ridurrebbe nel migliore dei casi ad un piacevole e inconsapevole passatempo formale, ancorché costellato di “soddisfazioni” quali i riconoscimenti e gli attestati. Quindi la Pratica deve (dovrebbe) condurre all’eclissi della mente dualistica, cioè della CONCEZIONE AUTO-REFERENZIALE della vittoria e della sconfitta,del guadagno o della perdita, del brillante o modesto percorso, della luce della ribalta o dell’ombra dietro le quinte, e, non da ultimo, dell’abbarbicamento alla propria opinione. E questo, in ogni circostanza del vivere giacché il vivere è la Via, lungo la quale sostanza e accidente sono del tutto distinti anche se non separati.

Si vive soltanto adesso: ad-ipsum, cioè al momentum o tempus, al tempo stesso, ed è quindi certo che si può essere svegli soltanto in questo momento. Di fatto, si potranno imparare una tecnica sopraffina ed un’ottima postura, e si potranno declamare con precisione i principi della spada (ken no riho) e di tutto il Budo, ma se tutto ciò non conduce alla una reale liberazione della mente dal dualismo auto-referenziale, cioè alla purificazione dell’oro sostanziale dal piombo accidentale, tecnica e postura lasceranno il tempo che trovano.

Adesso, attimo per attimo, si è sulla Via: nel Dojo come per istrada o al supermercato, nel santuario o facendo la fila all’ufficio postale, sudando sotto il sole o lavandosi il viso. Non c’è altro momento vitale che questo. Qui e ora. Il “prima” e il “poi” sono un concetto, un pensiero, un’immaginazione, e, del resto, anch’essi non possono darsi che qui ed ora, sicché anche la distrazione non può darsi che adesso! Qui ed ora siamo distratti, qui ed ora siamo (possiamo essere) svegli. Adesso è il Momento della Via. Ciò che mi affascina e mi impegna totalmente (shikan), liberandomi dal dualismo auto-referenziale, è COME conduco un’azione qui ed ora, non il suo risultato desiderato e immaginato, che verrà “poi” per immediatamente diventare un “prima” (risultato viene da re-salire, saltare all’indietro) ciò mostrandone la sua natura accidentale e transeunte che soltanto alla mente dualistica auto-referenziale appare sostanziale, da ciò seguendone che l’accumulo di risultati (primo fa tutti il “palmarès”) costituisce una vera e propria fantasmagoria nella quale la mente smarrisce se stessa. Invece, per la mente unificata e perciò sostanziale ciò che accade è un puro accidente, un accadimento (appunto da accídere accadere) che non lascia residui appiccicaticci: né quello del “prima” né quello del “poi”. Perciò una Pratica che non conduca in primo luogo ad accorgersi dell’aggressione dilaniante e condizionante che il passato con i suoi risultati e il futuro con le sue aspettative esercitano implacabilmente sulla mente che ne è la produttrice (condizionando anche il corpo) è del tutto priva di senso.  

Che si vinca o si perda ciò che conta è il come. Qui ed ora. Totalmente oltre l’auto-referenzialità. Totalmente senza profitto e senza scopo (mushotoku). Il mio essere, la mia identità, il mio adesso, la mia sostanza, il mio oro è nel come, si esprime nel come. Ed il mio come è adesso. Non può esprimersi che qui ed ora. L’ADESSO e il COME sono il tempo e il modo della VIA. Il risultato, quale che sia, è un accidente del tutto distinto dalla mia sostanza, anche se non separato da essa. Gli accidenti del successo o del fallimento sono compresi nell’adesso, accadono nell’adesso che è vuoto e perciò li trascende, esattamente come il silenzio trascende le parole, tanto che, osserviamo di passaggio, ogni vera comprensione viene dal silenzio e non dalle parole. Invece gli accadimenti e i risultati sono nient’altro che «un sogno», ed il loro accumulo un affastellamento di sogni. L’adesso è il vuoto il cui pieno continuamente cangiante e dunque accidentale è costituito dai risultati. Oltretutto, in ogni circostanza del vivere, la vittoria o la sconfitta, «gocce di rugiada, fenomeno fuggente», non potrebbero mai essere soltanto la “mia” vittoria o soltanto la “mia” sconfitta poiché mentre interagisco (non posso non inter-agire) entra in ballo l’alea, ossia quell’insieme di  fattori indipendenti dalla mia volontà, dal mio come, che influiscono sull’interazione, giacché nessuno può esser sicuro che la tal cosa andrà certamente come se l’aspetta, ciò che, oltretutto, toglierebbe sapore al vivere. Di fatto, l’unico momento aureo, libero ed inattaccabile dall’alea, è il momento presente, che è anche l’unico tempo reale in cui il plumbeo dualismo auto-referenziale è (può essere) trasceso.

Data l’inevitabilità dell’interazione, in ogni circostanza della vita e quale che ne sia il motivo, l’accidente dell’esito non è univoco bensì biunivoco in quanto la gioia della soddisfazione di una parte si bilancia con la delusione dell’altra, la superiorità del vincente necessita dell’inferiorità del perdente, la mossa azzeccata necessita della mossa sbagliata (perfino il borseggiatore necessita della distrazione del borseggiato!). Invece, vincente e perdente, che alla mente disunita appaiono come un inconciliabile aut-aut, «formano un solo corpo», qui trovandosi il senso superiore dell’interazione simultanea (aiuchi) che supera l’accidentale dualismo auto-referenziale in una sostanziale sintesi in cui spariscono le oniriche figure del vincitore e del vinto, come pure di chi “ha ragione” e di chi “ha torto”. Incisivi, a proposito, i versi di Joshu che mostrano con chiarezza la distinzione fra sostanza e accidente (e che fanno risaltare l’assurdità di gare e medaglie in seno al Budo):

«Due draghi litigano per una pietra preziosa.
Quale dei due riuscirà ad averla?
A quello che perde non manca nulla;
quello che vince non ne ha bisogno».

E non è un caso la perfetta corrispondenza evangelica: «Che gioverà infatti allʹuomo guadagnare il mondo intero, se poi perde lʹanima sua?», in cui, palesemente, il «mondo intero» è l’accidente plumbeo che, contaminandola, può inficiare la salute dell’«anima» ossia della sostanza aurea; ciò riscontrandosi nel giovanneo «essere nel mondo ma non del mondo» da cui risulta chiarissima la distinzione, senza separazione, fra sostanza e accidente.

Se non ha unificato la mente, chi ottiene la vittoria, o, meglio, chi sogna di aver ottenuto la vittoria, non può non sognare che esiste la sconfitta e quindi paventarla, mentre, all’inverso, chi sogna di essere stato sconfitto non può non sognare che esiste la vittoria e quindi desiderarla: è così che la mente divisa, agli antipodi della mente unificata e vuota (mushin), conferma la sua indigenza per l’attaccamento ai risultati, cioè agli accidenti aleatori del successo o del fallimento. Il raggiungimento del prestigio, della posizione di rilievo conferita dalla reputazione per gli obiettivi centrati, unitamente al desiderio irresistibile di centrare quelli futuri, diventa così l’idea fissa di un “work in progress”, un attaccamento cronico all’accidentale che preclude la mèta, ossia la liberazione dal dualismo auto-referenziale. A tal riguardo, assai preziosi risultano due termini giapponesi: shuchaku , composto dagli ideogrammi di “prendere, afferrare” e “arrivare, attaccarsi addosso”, dunque uno rafforzativo dell'altro; e mushu , composto dagli ideogrammi di “non esserci, non esistere”, e “prendere, afferrare”, cioè lasciare la presa. In sintesi, quindi, la vera Pratica conduce (dovrebbe condurre) da shuchaku a mushu, cioè dal plumbeo attaccamento all’aureo distacco nei confronti di aspettative e risultati che, ricordiamolo, sono soltanto degli accidenti.

La mente divisa si nutre di un triplice sognare: essa sogna che sognare di vincere sia meglio che sognare di perdere. La mente unificata, invece, permette di agire immediatamente, lucidamente e liberamente, come su un’isola deserta ove i soli testimoni sono il Cielo e la Terra; ove non si consegnano premi e riconoscimenti (non ce n’è il tempo!) e non c’è nulla da guadagnare o da perdere perché il come è già premio a se stesso; ove non c’è un auto-referenziale “meglio” contrapposto a un altrettanto auto-referenziale “peggio” e il come è l’unica stabile realtà, l’unica sostanza aurea incontaminabile da qualsivoglia plumbeo, auto-referenziale accidente.

Io sono come agisco ed agisco come sono, quindi  il risultato del mio agire è un puro accidente. Nel come del mio agire è il mio adesso, la mia sostanza. Il risultato è l’accidente influenzato dall’alea. Tra sostanza e accidente non c’è la benché minima affinità sebbene siano inseparabili come il vuoto del bicchiere e il pieno dell’acqua. Esempio eccellente: il come dell’eroe, cioè la sostanza eroica, è del tutto distinto dal risultato dell’azione eroica: l’eroe è tale indipendentemente dal successo o meno della sua azione; è tale sia che rimanga vivo sia che muoia nel condurre l’azione, ed anzi, se muore è ancor più ammantato di gloria. L’eroe conduce un’azione pura poiché, pur tendendo ad un fine, agisce nell’offerta di sé (sutemi), del tutto oltre l’aleatorio e auto-referenziale dualismo successo-fallimento, accedendo così alla dimensione sovrumana ove «tutti gli esseri viventi formano un solo corpo». Esemplare a tal riguardo, la figura di Saigo Takamori, samurai ribelle contro il regime Meiji ed eroe proprio in quanto sconfitto definitivamente nell’epilogo della rivolta di Satsuma nel 1877, così confermandosi  «che anche il fallimento ha la sua grandezza e che anche lo sconfitto può essere un eroe, più amato proprio per non essersi caricato dell’ingombrante peso della vittoria» (linkiesta.it/it/article/2016/06/11).

Il come conduco un’azione rivela me stesso a me stesso. Tale rivelazione è adesso. Debbo quindi continuamente – proprio adesso – osservare me stesso, la mia sostanza, il mio come. Osservare me stesso, curare me stesso, cioè il mio come, è il prezioso esercizio il cui vero frutto è la liberazione dall’appiccicume dell’accidente e dell’alea che determineranno la vittoria o la sconfitta, dalla perniciosa preoccupazione (pre-occupazione!) auto-referenziale per il successo o il fallimento. Cosa che non posso fare che qui ed ora. Osservare me stesso, curare me stesso e, infine, conoscere me stesso, la mia sostanza, ovvero, per dirla con Takuan Soho, il mio Volto Originario: Honrai  Menmoku (cfr. Tai-A Ki – Gli annali della Spada Tai-A), che, notiamo di passaggio, richiama lo Gnoti sauton, Conosci te stesso, inciso sul frontone del tempio di Apollo a Delfi, sicché possiamo forse dire che si tratta di praticare una disciplina apollinea, dunque solare!

Inoltre, l’antagonista, potrà anche sconfiggermi ma la “sua” vittoria, che è un accidente, non toglierà niente al come io, quale protagonista, ho condotto l’azione, perché io sono nel come, che è la mia sostanza, e non nella sconfitta che è anch’essa un accidente. Lo stesso vale in caso di una “mia” vittoria, poiché essa non aggiunge niente a come ho condotto l’azione. E se la vittoria è un accidente, il premio assegnato alla vittoria è accidente che si aggiunge ad accidente; è «goccia di rugiada» che si aggiunge a goccia di rugiada, «fenomeno fuggente» che si aggiunge a fenomeno fuggente, «sogno» che si aggiunge a sogno. Oltretutto, a ben considerare, il come mi rende solitario protagonista, cioè primo e unico attore che, se così si può dire, fa sparire l’antagonista assimilandolo compassionevolmente a sé, in una sintesi (un porre insieme) che trascende totalmente chi “vince” e chi “perde”.

Il come è strettamente connesso al cuore (kokoro), anzi è il cuore stesso che si esprime; è l’intimo, concreto e sincero voler dare il meglio di sé; è l’attuazione dell’AGE QUOD AGIS: fai (bene) ciò che stai facendo; è l’essere, l’identità, l’adesso, la sostanza che si espande con giustizia (gi) e benevolenza (jin) sulle persone, sulle cose, sulla natura e sugli eventi. La preoccupazione auto-referenziale della vittoria o della sconfitta, dell’ottenere o del non ottenere, della ragione o del torto, caratteristica della mente disunita, sono la prova certa di un come condizionato e dannoso per sé e per gli altri; di una sostanza che non si espande liberamente; di un cuore contaminato da  un accidente che, gradito o non gradito che sia, gli è estraneo; di un cuore, si potrebbe dire, contratto in una sistole cronica che impedisce l’espansione della diastole, dato l’auto-referenziale e disomogeneo miscuglio di sostanza e accidente; insomma di un cuore accidentato poiché soddisfatto o non soddisfatto per un «fenomeno fuggente», sicché né il successo può davvero appartenere al vincente né il fallimento può appartenere davvero al perdente, poiché entrambi «formano un solo corpo». Invece la Pratica, se ha un senso, ha da condurre alla realizzazione di mizu no kokoro, il “cuore come l’acqua”, il cuore (la sostanza) che scorre adattandosi ad ogni situazione (l’accidente) senza attaccamento (mushu).

Il come, la sostanza, il cuore che si identifica con la vittoria o con la sconfitta, smarrisce se stesso,  e quindi la vera gioia,  perché, contaminandosi, afferra o respinge l’accidente, cioè qualcosa che non può né arricchirlo in caso di ottenimento né impoverirlo in caso di non ottenimento. Il cuore contaminato non può essere un cuore sincero (magokoro), sincero, secondo l’etimologia antica, venendo da sine cera senza cera, cioè senza vernice, cioè puro. Per questo il successo non è necessariamente segno di una superiorità morale e/o spirituale, o magari di una predilezione degli dèi o del fato, dato che una cura minuziosa (e forse anche un po’ maniacale) della tecnica e della postura può condurre ad un’eccellenza soltanto formale e accidentale che non corrisponde ipso facto all’emancipazione dall’auto-referenzialità verso la non dualità della mente e del corpo (shikishin funi). Ed anzi, volendo dirla tutta, proprio il perseguire pignolescamente la perfezione della tecnica e della postura con l’idea fissa ancorché inavvertita (la cronica sistole del cuore) di “progredire”, magari per ottenere il relativo riconoscimento ufficiale, costituisce lo sbarramento plumbeo alla liberazione della mente e del corpo. Alcuni versi del Poema della fede profonda di Sosan ben riassumono quanto siamo venuti sin qui osservando.

«Un fenomeno non differisce da un altro,
la mente illusa si aggrappa a ciò che desidera […]
Un sogno, un’illusione, una folgore nel cielo:
come può valere la pena di afferrarli?
Guadagno e perdita, giusto e sbagliato:
abbandonali tutti all’istante».

È inoltre opportuno notare che la liberazione dalla dialettica auto-referenziale, comporta la purificazione della coscienza dal soggettivismo quale autonomo interprete che pretende la legittimità incontestabile del proprio giudizio secondo il proprio criterio, ovvero della propria opinione. Anche qui il Poema delle fede profonda è chiarissimo, profondissimo e decisamente anti-moderno:

«Non è necessario cercare il vero,
basta eliminare le opinioni»,

esortazione da cui si arguisce che ogni cosa contagiata dall’opinione (la cera di cui sopra) non è la cosa così com’è (sono mama), e che invece il come, la sostanza, il cuore è già di per sé orientato verso il Vero, ne è alimentato e spontaneamente lo esprime. Unica condizione è l’eliminazione dell’opinione, ossia del soggettivismo dualista auto-referenziale, operazione, occorre dirlo, di eccezionale difficoltà ed inconcepibile dall’uomo comune, colto o meno che sia, avvinto tenacemente alla propria accidentale, onirica “libertà di pensiero”.

Riepilogando: l’inveterata abitudine a vivere gli eventi secondo i termini auto-referenziali di vittoria o sconfitta, successo o fallimento, conveniente o sconveniente,  giusto o sbagliato, ragione o torto, non è senza conseguenze: il giudizio auto-referenziale è il contaminante tratto d’unione tra il come e l’evento, cioè tra la sostanza e l’accidente, tra l’oro e il piombo; giudizio che, per quanto fulmineo, crea quell’infinitesimo lasso di tempo che separa il come dall’evento, i quali, come si è già osservato, sono sì inseparabili ma distinti. Ecco perciò che a causa del giudizio auto-referenziale il come si trova in ritardo rispetto all’evento, ciò pregiudicando l’immediato adeguamento (adeguare da ad aequare, equo essendo il proporzionato, il giusto); ecco che la coscienza, perdendo l’equanimità, non vede direttamente l’evento quale esso è in sé ma lo sogna; ecco che la pura distinzione senza separazione fra coscienza ed evento viene inficiata dal giudizio auto-referenziale, dall’opinione (la cera) che ricopre di sé il lasso di tempo in cui avviene il miscuglio fra sostanza aurea e accidente plumbeo, l’identità del come venendo a confondersi col sogno.


_______________________________________

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica
in quanto
viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011
_______________________________________
                       



                                                                               © Iogkf Italia 

giovedì 9 febbraio 2017

Zen: la Via alla semplicità - Zen: the Way to simplicity (ITA - ENG)

"Lo Zen non è così popolare come molti altri complicati e 'antichi' insegnamenti.
Perchè?
Perchè lo Zen non ha nulla da offrire.
E' proprio così com'è, pervade tutto ed è vuoto.
Lo Zen dice 'taci e siedi' e qui inizia la tua pratica...
Tante persone vogliono cercare ma non vogliono trovare.
Lo Zen è molto semplice da spiegare eppure è troppo sottile da esprimere a parole.
Un maestro Zen disse: 'Mille libri non sono abbastanza e una parola è troppo'.
Lo Zen è pratica.
Una pratica sincera è scevra da ogni elemento esotico.
E' insita una bellezza profonda ma per notarla devi lasciar cadere ogni idea, riconoscere la tua ignoranza e sedere...
Alle persone piace parlare dei propri conseguimenti e nello zen non hai nulla di cui parlare.
Viene a te come chiarezza, comprensione... lo Zen dice siedi e guarda..
Non ti dà dei compagni.
Tu sei impaurito.
Devi sedere solo.
In molti altri insegnamenti ti danno un'intera schiera di intattenimenti: energie, chakra, demoni, angeli, dei, mandala, simboli, storie riguardo cosa dovresti vedere e dove andare.
Non sono così solitarie...
Nello Zen siedi con te stesso.
Devi guardare in faccia te stesso.
Devi vedere te stesso forse per la prima volta e per molti di noi è un'esperienza spaventosa.
Lo Zen è per coloro che arrivano a comprendere che la sincerità e la semplicità sono la via autentica per qualsiasi cosa possiamo incontrare al di là del regno delle parole..."

Fugan Genkaku



ENGLISH VERSION

"Zen is not as popular as many other complicated 'ancient' teachings.
Why?
Zen has nothing to offer.
It is as it is, all pervading and empty.
Zen says shut up and sit down and that is when your seeking begins...
So many people want to seek but they do not want to find.
Zen is too simple to explain and yet it is too subtle to put it in words.
One zen master said: 'Thousand books are not enough and one word is too much'.
Zen is practice.
Pure honest practice devoid of nearly all exotic elements.
There is a rare beauty in it but to notice it you have to drop all ideas, recognize your ignorance and sit down...
People like to talk about their achievements and in zen you have nothing to talk about.
It comes to you as clarity, as understanding... Zen says sit down and watch.
It does not give you companions.
You scared.
You have to sit alone.
In many other teachings they give you the whole crowd to entertain you: energy, chakras, demons, angels, gods, mandalas, symbols, tales about what you should see and where to go.
It is not so lonely...
In Zen you sit on your own.
You have to face yourself.
You have to see yourself maybe for the first time and for many of us it is frightening experience.
Zen is for those who come to realize that honesty and simplicity is the true road to whatever we may encounter beyond the realm of words... "

Fugan Genkaku










_______________________________________
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011
________________________________________


© Iogkf Italia

lunedì 6 febbraio 2017

Schegge Budo e Zen - 6 febbraio 2017



"Con ogni pensiero tentare di conoscere i propri difetti e correggersi per tutta la vita: questa è la Via."

Yamamoto Tsunetomo, Hagakure



"I pesci nuotano nell’acqua e per quanto a lungo nuotino, non c’è fine all’acqua.
Gli uccelli volano in cielo e per quanto volino, non c’è fine al cielo. Eppure i pesci non lasciano mai l’acqua, gli uccelli non abbandonano mai il cielo.
Quando il loro bisogno è grande, c’è grande attività.
quando il bisogno è piccolo, c’è piccola attività.
In questo modo mai nessuno mancherà d’impiegare sè stesso pienamente, e in nessun posto mai ci sarà mancanza alcuna di muoversi e girare liberamente.
Se un uccello lascia il cielo, presto morirà.
Se un pesce lascia l’acqua, presto morirà."

Dōgen Zenji, Shōbōgenzō - Genjo Koan





"In Giappone quando si vuole esprimere un augurio a qualcuno che deve affrontare una prova si usa dire:
' 頑張ってください!'
Ganbatte Kudasai, Fai del tuo meglio!
La buona o cattiva fortuna deriva in buona parte dall'aver fatto o meno del proprio meglio.
Abbiamo fatto del nostro meglio?
Stiamo facendo del nostro meglio?
Se abbiamo fatto del nostro meglio e alla fine ci coglie la morte o la disgrazia, non sarà un grosso problema, o meglio, l'accoglieremo con serenità.
Nell'esercizio del Randori nell'Arte Marziale questo diventa molto evidente.
Randori non significa combattere per vincere, ma combattere per mettere alla prova le proprie capacità, la propria condizione fisica, tecnica e psicologica, combattere per esprimersi al proprio meglio nelle situazioni più diverse, universali, non solo nel Dōjō.
Poi il risultato può essere qualunque, poco importa: anche se voi 'vincete' non siete migliori di uno che ha 'perso' combattendo con sincerità.
Dal punto di vista della crescita umana, della vostra maturazione, è assolutamente irrilevante una soddisfazione transitoria che viene dall'effimero successo dato dalla superiorità su qualcun'altro. Quello che conta e che arreca la vera profonda soddisfazione è il modo, lo spirito con cui vi cimentate, quello che vi fa essere consapevoli di aver dato il vostro massimo, fatto del vostro meglio, per cui non avete più nessun debito, avete restituito tutto quel che vi è stato offerto.
A quel punto potreste anche morire e sareste comunque soddisfatti.
Questa è la profonda differenza educativa tra l'Arte Marziale e lo sport."

P. Taigō Spongia Sensei



"Il suono tondo sorge laggiù e vuoto tramonta per sempre qui col mio respiro.
Inspiro e sono cielo, espiro e sono pioggia nel vasto mare.
Dono, percezione, principio d'onda che ora si compie,
accarezza e bagna le mie umane radici;
Schiuma bianca o miraggio che mi trovò a danzare senza olfatto tra finti tulipani rossi.
Ma io respiro ancora,
e le onde sono così infinite."

Monica De Marchi















________________________________________
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011
________________________________________

© Iogkf Italia

lunedì 30 gennaio 2017

Schegge Budo e Zen - 30 gennaio 2017




"Nella vita la cosa più importante è quella di vivere il momento presente con la massima attenzione. Tutta l'esistenza non è altro che un susseguirsi di un momento dopo l'altro. Se si capisce questo, non c'è più bisogno di andare da una parte all'altra e di cercare altrove. Bisognerebbe vivere con l'attenzione ad ogni momento, ma gli uomini si lasciano sfuggire il momento presente per andare in cerca di altre cose e così non arrivano mai a realizzarsi. Per vivere con la continua attenzione al momento presente è necessaria una lunga perseveranza nella pratica, ma, una volta che si è raggiunto questo stato di attenzione, anche quando non ci si pensa, non ci si allontana. Quando uno è convinto che tutta la sua vita è basata su questa continua attenzione, vive in pace e lealtà..."

Yamamoto Tsunetomo, Hagakure



"Lo Zen non ha niente a che vedere con qualcosa di eccitante, ma si tratta di concentrarsi sulla nostra routine quotidiana."

Shunryu Suzuki Roshi




"I risultati arrivano a chi si allena assiduamente. Affidarsi a tecniche segrete non ti porterà da nessuna parte."

Morihei Ueshiba Sensei



"Quando durante un kata il movimento si ferma nell'assumere una posizione si dev'essere come un sasso che cade nella sabbia, nessun altro movimento d'assestamento dev'esser necessario."

P. Taigō Spongia Sensei






"L'equilibrio si trova solo sbilanciandosi e spesso anche cadendo, più e più volte... anzi infinitamente..."

Alessandro della Ventura










_______________________________________
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011
________________________________________


© Iogkf Italia